Il visto per il Vietnam: si deve fare o no?

E’ necessario ottenere il visto per il Vietnam? E dove bisogna farlo: in Italia o direttamente in aeroporto? Si tratta di una questione di “lana caprina”, come si sarebbe detto un tempo, perché ad oggi il problema si risolve facilmente. Se il soggiorno è inferiore ai 15 giorni non c’è bisogno di fare proprio nulla. Basta presentarsi all’ufficio doganale di frontiera e mostrare un passaporto con validità residua superiore ai 6 mesi. Se il soggiorno è superiore ai 15 giorni, allora il visto è obbligatorio e necessario.

In questo caso le alternative sono tre:

  1. si richiede il visto in Ambasciata, in Italia, o direttamente o tramite agenzia; i costi variano, ad oggi, tra i 80 e i 150 euro;
  2. ci si collega a questo sito ufficiale e si ottiene il visto online, ma solo per soggiorni compresi tra 16 e 30 giorni;
  3. si ottiene il visto all’arrivo in Vietnam, direttamente in aeroporto o a qualsiasi varco di frontiera terrestre (“visa on arrival”) pagando un costo aggiuntivo per il servizio. Questa procedura è ammessa solo in caso che nel paese di provenienza non vi sia una Ambasciata vietnamita e per altri casi più limitati, come ingressi dovuti a ragioni umanitarie e/o missioni tecniche. Ad ogni modo, nel caso del “visa on arrival” occorre presentarsi opportunamente preparati, e cioè possedere almeno due fotografie in formato tessera.

In ogni modo, noi resteremo in Vietnam appena 10 giorni. Quindi niente visto. Alcuni siti segnalano che i funzionari doganali potrebbero richiedere, a campione, una prova che lascerai il paese proprio entro i 15 giorni fatidici. Quindi meglio avere a portata di mano la prenotazione aerea, o qualsiasi altro documento che comprovi che te ne andrai nel periodo previsto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *