Bagan

Come muoversi a Bagan (se non piove)

muoversi a Bagan

L’area di Bagan è talmente vasta che il primo problema da affrontare è come percorrere le distanze al suo interno. I templi più importanti sono oggettivamente molto isolati e le strade che percorrono il parco a volte impraticabili. Come muoversi a Bagan, quindi? Oggi vedo immagini di mongolfiere, biciclette a noleggio, addirittura scooter che percorrono

Scorpioni, scarafaggi e altri intrusi

Scorpioni, scarafaggi

Racconto brevemente del nostro incontro ravvicinato con uno scorpione a Bagan. Lo faccio perché è il pretesto ideale, a mio modo di vedere, per offrire qualche dritta sull’argomento generale “insetti”, capitolo “intrusi indesiderati”, paragrafo “cosa fare per…”. So per esperienza diretta che non c’è nulla di più insopportabile, disgustoso, repellente e fastidioso dell’eventualità di dover

Scalare i templi di Bagan, ma con rispetto e prudenza

Scalare i templi di Bagan

Un aspetto da tener in debito conto, quando si visitano i templi di Bagan, è che si tratta sempre e comunque di un’area sacra. Non è un parco divertimenti, dove scorazzare a piacimento. Molti edifici sono ancora adibiti al culto. Lo si capisce chiaramente perché custodiscono al loro interno una zona, più o meno estesa,

I templi di Bagan, fra un acquazzone e l’altro

I templi di Bagan

Il nostro soggiorno a Bagan è stato contrassegnato da un paradosso. Pur avendo raggiunto una delle zone ufficialmente più aride del Myamar, per 3 giorni e 3 notti siamo stati sottoposti ad una pioggia incessante e dispettosa che ha reso la nostra vacanza un inferno. Il che non ci ha impedito di goderci comunque una

Nubifragio a Bagan

Nubifragio a Bagan

Raramente il clima ci è stato amico. La ragione è ovvia: prendiamo le nostre ferie in estate; l’estate in Oriente coincide spesso con la stagione umida; durante la stagione umida piove, e anche tanto! Il clima, insomma, è la variabile impazzita di qualsiasi progetto di viaggio. Prevederlo, anticiparlo, metterlo in conto, non serve a nulla;