Pad Thai

Il piatto più celebre e richiesto della Thailandia

      primo
    Thailandia
    00,25
    4
    facile
    20
Ingredienti
Noodles, meglio tagliatelle di riso
Pasta di Pad Thai, due cucchiai
Noccioline e anacardi tritati, due cucchiai
Gamberetti freschi, 250 gr.
Carote tagliate a julienne, 200 gr.
Germogli di soia, possibilmente freschi
Salsa di pesce, un cucchiaino
Pollo a cubetti piccoli, 200 gr.
2 uova fritte strapazzate
Icone a cura di Freepik da www.flaticon.com con licenza di CC 3.0 BY

Il Pad thai è il piatto tipico dello street food thailandese. Si cucina dappertutto, in qualsiasi città del paese, ma ogni volta è sempre un piacere vederlo preparare e sopratutto assaggiarlo. Le varianti infatti sono molte e dipendono dalla località in cui viene offerto. Può essere di vermicelli di grano oppure di tagliolini di riso, dolciastro o anche molto piccante, a prevalente base di pesce o anche solo di verdure… Ce n’è per tutti i gusti e le preferenze. Unica nota comune: il costo, che ovunque, anche nei ristoranti più raffinati, risulta sempre molto economico.

I turisti stranieri lo adorano, lo considerano quasi un succedaneo naturale al piatto di spaghetti che altrimenti sono abituati a mangiare, specie all’estero. Piace la componente fresca e croccante della sua composizione, ovvero le verdure appena saltate e insaporite nella salsa di soia; oppure le noccioline tritate, che vengono distribuite a pioggia sul piatto alla fine della preparazione. Sembrano essere utilizzate come noi facciamo con il parmigiano sulla pasta, e forse è per questo che gli italiani vanno pazzi per il Pad thai.

La ricetta che suggerisco io è una versione classica, quasi per niente piccante. Si basa sull’acquisto preventivo di una salsa per Pad thai, facilmente reperibile online o nei negozi specializzati.


Preparazione
1 - Triturare le noccioline e gli anacardi
La prima fase da compiere è quella di triturare noccioline e anacardi e ridurli a poco meno di una polvere.
2 - Tagliare il pollo
Tagliare un petto di pollo a cubetti piccoli.
3 - Preparare la frittata
Preparare una frittata veloce e poi ridurla a piccole strisce. Si tratta di una semplificazione che farà storcere il naso ai puristi, ma è necessario per chi non possiede wok a fondo curvo come quelli che si usano in Thailandia. Laggiù, infatti, l’uovo viene aggiunto al preparato e mescolato abilmente con tutto il resto.
4 - Cucinare pollo e gamberetti
A questo punto scaldare la padella con l’olio e aggiungere prima un cucchiaio abbondante di salsa pad thai, poi il pollo a cubetti e dopo cinque minuti anche i gamberetti sgusciati, possibilmente freschi. Dopo aver aggiunto un cucchiaino di salsa di pesce, rimescolare per qualche minuto.
5 - Aggiungere verdure, tagliolini e frittata
Aggiungere le verdure (in questo caso carote e germogli di soia), i tagliolini – precedentemente ammollati in acqua calda – e infine la frittata; girare tutto vigorosamente finchè la pasta non comincerà a spezzarsi.
6 - Servire
Impiattare e spolverare su ogni porzione una generosa quantità della polvere di noccioline e anacardi preparata in precedenza. Come salse “di appoggio” suggerisco l’onnipresente salsa di soia, per aumentare la sapidità del piatto, e le consuete salse piccanti che si trovano un po’ dappertutto. Anche un po’ di succo di limone può far risaltare meglio il sapore del piatto.